Autore: mons. Andrija Vojko Mardešić

Nel 1050, il sacerdote Ivan, figlio di Gaudi Grlić, lo costruì a Busi nella zona chiamata Chiesa di S. Silvestro, il Papa. Ivan entrò nell’abbazia benedettina alle Tremiti con l’intenzione di collocare questa Abbazia nel monastero di Busi e nei suoi altri piccoli monasteri chiamati cellee. La resa è stata eseguita solennemente. Questo atto solenne era presente, come testimone e Neretva, il principe Berigh con la sua scorta. Sebbene ci sia ancora un ordine benedettino nelle nostre mani, non è sorprendente che Ivan Grlić si sia rivolto a Opatija of St. Maria del Trevius, situata sulle isole Tremiti vicino alla costa orientale italiana, a una ventina di chilometri dal versante settentrionale del Monte Gargano. Vale a dire, questa Opatija era in piena fioritura e molto famosa nella nostra regione.

A quel tempo il traffico tra le nostre coste e le isole del Tesoro era molto vivo. La più grande delle tre pittoresche isole prese il nome da St. Duje, il vescovo solenne e il protettore di Spalato, e un porto sulla stessa isola era chiamato il porto croato o Shiavonia. Inoltre, l’Abbazia di Tremiti era conosciuta nella Croazia costiera dalla venerabile immagine della Madre di Dio. C’erano molti pellegrinaggi dei nostri uomini, ei nostri giovani lì, andarono in ordine benedettino e venerarono come monaci in Opatija sotto la protezione di il tesoro della Madre di Dio. 32 Farlati scrive che l’Abbazia dei Tremiti alla fine del XIII. e all’inizio del XIV. i pellegrini del secolo visitarono, e sebbene fosse ben stabilito, fu occupato con una barca, derubato, il monastero accese e uccise tutti i monaci. 33

Quando furono eseguiti lavori nel 1994 e nel 1995 sul restauro e il restauro della Chiesa di S.Silvestra sull’isola di Busi, 34 di questi lavori non si sono limitati al restauro statico e strutturale della chiesa, ma sono state condotte ricerche archeologiche. Poi è stato trovato che la Chiesa di San Silvestra non fu costruita nello spazio libero ma sotto di essa furono scoperti resti di edifici di epoche precedenti. Trovi frammenti di vetro e ceramica hanno dimostrato che questa intera area di culto è stata eretta sugli strati costruttivi del primo e del secondo secolo.Davanti alla Chiesa dei SS. Silvestra era una chiesa costruita, molto probabilmente nel VI. secolo. Aveva un’abside semicircolare e le sue mura si estendevano fino alla chiesa, ma non le spalle caratteristiche. Un mosaico paleocristiano è stato trovato nell’abside stessa. Nel realizzare questo mosaico, ha usato un precedente mosaico antico. Direttamente su questo strato è stato trovato un gran numero di frammenti di ceramiche tardo antiche della seconda metà del VI.secolo e la prima metà del 7 ° secolo.

In questo patrimonio storico, il prete Ivan Grlić eretto nel 1050 dalla Chiesa di S. Silvestra, papa.Le pareti di questa chiesa sono state conservate quasi fino al tetto, ma la struttura del tetto in legno originale non è stata conservata. Molto probabilmente sarebbe stato distrutto in XIII. o XIV. secolo. Poi una nuova struttura a volta fu costruita con piloni massicci che chiudevano la porta sul lato sud della chiesa. Attraverso questa porta, entrò nel cortile del monastero e quindi fu aperta una nuova porta, con caratteristiche prominenti dello stile romanico.

Durante queste opere archeologiche, fu trovato un muro di pietra sul quale, sul suo fondamento, fu eretta una parete dell’altare che divideva la nave della chiesa in due parti. Ciò significa che metà della chiesa era riservata al tempo in cui i monaci erano presenti durante la preghiera o il servizio di Dio.

Questo dimostra che c’erano numerosi monaci nel monastero in quel momento. In effetti, non può essere provato che esattamente ciò che il Dr. Stjepan Barbieri scrisse nel 1782 che c’era una pietra sulla quale fu trovato Busi: Silvestar Abbas octoginta Monachorum), cioè nel monastero sotto il podio l’Abbazia di Silvestro viveva ottanta monaci, 35 ma certamente dimostra che nel monastero di Bishwoman per molto tempo i monaci furono più numerosi che in molti altri nostri monasteri benedettini. Questo è tutto comprensibile. Un secolo prima fu fondato il monastero benedettino di St. Andrew sull’isola di Sveti Sveti Andriji, anche sull’isola di Vis, a 18 chilometri da Komiza.

Il monastero di St. Andrea sul Sacro Cuore o San Andrew ebbe un ruolo molto importante ai tempi del Monte Gargano, delle Tremiti e di Solin quando ai Benedettini fu affidato il compito di preservare l’Occidente e la difesa dell’Oriente. 36

Ma quando fu fondato il monastero di San Silvestro a Busi, egli raggiunse la gloria della gloria e vide le sue abbazie di suocera alle Tremiti e divenne un ponte sul quale si legano le correnti religiose e culturali dall’ovest all’Adriatico orientale costa. Così, il monastero di Busi è sempre più elevato, diventa indipendente, nel 1145 appare come un’abbazia indipendente con il suo stesso abisso in fronte. 37

35. “Molti anni dopo la fondazione del Monastero e la Chiesa di San Nicolò, c’era anche la culla di Busi, dove probabilmente la prima della sua origine, e il più ricco di Monaci aveva l’Abbazia, da cui tutti gli altri monaci erano governati e in effetti dimostra questa congettura sulla pietra trovata sul sito del suo monastero abbandonato a Busi, sul quale erano scritte le parole. Silvesetr Abas octoginta Monachorum “.. Liber Comisiae, dal 336 al 380 °

36 Confronta: AVMardešić, Povijesna zrnca o otocima Viškog arhipelaga I., Vis-Komiža, str. 59o-62e

37 I. Ostojic, nd II, p. 375. 23

Compra la sua proprietà da Busi, sulle isole di Vis e Hvar, e costruisce la chiesa di St. Silvestra a Spalato. Tenendo presente che le istituzioni religiose, che sono nella più povera della Dalmazia, erano per lo più cari fondazioni con un piccolo numero di monaci, ad eccezione degli affluenti dei governanti nazionali croati e di alcuni altri monasteri, 38 è giusto dire che Farlati con il destra Monastero di S. Silvestra a He chiama Busi al prestigiosissimo e molto ricco monastero di St. Benedetto. 39

Se il monastero di San Silvestro a Busi godeva davvero della sua reputazione, e sull’isola di Hvar mostra l’elenco che Zara il principe Petar inviò al parroco Guhalis 1146. 40 Era un tempo duro e inquieto.

Vale a dire, nei primi decenni del secolo i croati e bizantini sono in conflitto con l’Adriatico. Venezia fu coinvolta in conflitti con l’intenzione di comandare città e isole sulla nostra costa, tra il 1135 e il 1145.

I veneziani riuscirono a governare Hvar. Pietro di Hvar ha ottenuto il suo servizio e Venezia lo ha istituito per il principe a Zara, e il suo potere si estendeva fino a Hvar. Prima dell’arrivo, il Venetian Peter sostituì due terreni in una baia marina con Marisla, il prefetto dell’isola di Vis, per un terreno di proprietà di María. Dopo aver sostituito Peter, questa terra, che divenne sua proprietà, fu donata al Monastero di San Silvestro a Busi. In tempi difficili, Marislav voleva conquistare questi monasteri e prenderli da soli. Ecco perché Peter gli ha scritto che non tocca il possesso monastico. Se è insoddisfatto della terra che gli ha dato nella baia di Komiža, prende alcuni dei suoi beni sull’isola di Hvar, ma se Marislav non vuole, Peter ordina a Guilis di non permettere a lui o a nessuno di disturbare i monaci e i nani. 41 In questo elenco, per quanto è noto per la prima volta, il nome di un prefetto dell’isola di Vis è stato menzionato per la prima volta; 42 e, ancora più importante, il primo record conosciuto del nome Komiska Cove o Komiza.L’elenco è stato scritto in latino ed è stato scritto dal notaio Zara Prodan.

38 ° Ostojic, nd II, p 10

39. “noblissimum et opulentissimum coenobium ordinis benedictini”. Farlati IV, 243-244 °

40 CD II, pagina 61. 1

41 “Petrus Jadertinus viene la sua fedeltà alle chiese .. L’impegno per il tuo ecclesiam sanct ‘Siluestri, che in Buci, vt sicut meum et tuum honorem diligenter, proteegas .. Audio quod Mariš-

laus infestat monasterium sancti Siluestri pro illis uidelicet petiis terre, que fuit in Uacomeza, quas mecum commutau / i / t, et tu inde pristaldus fuisti; sintonizzare enim placuit šibi, e mode secus agit, quomodo (l potest esse, accipiat enim terras pro terris, ubi ibi, ut statutum est, siue Faro, que nostri iurispd ‘tinet et et totum hoc non uult, percipio tibi ut ut permittas eum sollicitare abbatem curf fratribus. “CD II, pagina 61.

42 I. Kasandrić, Hvarski Puštani Ustanak, Spalato, 1978, p.14

Che il monastero di St. Silvestra su Busi era in effetti molto prominente nelle liste di papa Alessandro III. e Manfred Tarantes, figlio dell’imperatore Fridr, e il governatore del re Konrad in Sicilia all’epoca del regno di Napoli, dichiarando che il monastero Bishavsky è sotto la loro protezione.

Seconda metà XII. secolo è stato un boom per la nostra costa e le isole dell’Adriatico. Nel 1164 l’imperatore bizantino Manojlo Komnen rilevò la Croazia e la Dalmazia come patrimonio del duca Bela. Questo è il motivo per cui invia al capo dell’esercito bizantino John Duch di stabilire la sua autorità in queste aree. Duca del 1165 occupa più di cinquanta posti in Croazia e Dalmazia.

Tre anni dopo il suo arrivo, Zadran solleva il cannone contro i veneziani, espelle il loro principe Domenik Maurocen e porta nella sua città diverse migliaia di soldati ungheresi-croati per difenderli da Venezia. L’arrivo di soldati ungheresi-croati provocò un conflitto con Bisanzio.

Approfittando di questo conflitto, Venezia entrò in guerra nel 1170 e conquistò Zara, anche se Venezia e Ginevra attaccarono Venezia e inviarono la loro marina in aiuto. I veneziani, oltre a Zara, vinsero più Trogir e Dubrovnik, che riconobbero il potere bizantino. Gli Zadrani non accettarono di essere i sudditi di Venezia e di nuovo nel 1180 mandarono un panino contro Venezia. Ammettono il suo sovrano del re ungherese-croato Bela III. Immediatamente mandò a Zara un forte esercito e diede un’occhiata alla città.

La morte dell’imperatore Manojla Komnena nel 1180 pose fine al dominio bizantino nella parte conquistata della Dalmazia. Questa opportunità fu abilmente utilizzata dal re Bela III. e mandò il suo esercito in Croazia e in Dalmazia. Occupava l’intera costa comprese le isole dalmate. Venezia non si è riconciliata con le nuove opportunità, ma ha iniziato a cercare di tornare sotto le sue potenti città e isole conquistate da Bela.

In quel momento difficile e difficile, il Monastero di San Silvestra al Vescovo Papa Alessandro III indirizzata. prenderlo sotto la sua protezione. Il Papa accettò la richiesta dei monaci di Bishwoman e scrisse all’Orsa, che era stata profanata, per prenderla sotto la protezione di San Pietro e dei suoi. 48 Non solo il monastero di San Silvestro, che si trova a Busi e tutti i suoi beni che possiede legalmente, ma anche la loro Chiesa di San Silvestre a Spalato e la sua proprietà, e la Chiesa di San Michele e San Nicholas sull’isola di Vis con la loro visita a loro, 49 e il loro Busi e tutti i loro campi che si occupano delle loro mani con i defunti ei loro pascoli sono liberati da tutte le decime. 50 Il Papa li approva a prendere nuovi fratelli e conferma il diritto di scegliere il proprio a maggioranza, e nessuno dovrebbe imporlo. Il Papa afferma esplicitamente che nessuno dovrebbe disturbare questo monastero, i suoi beni da portare via, portarli via, o diminuirli o danneggiarli. Alla fine, il Papa ha minacciato la punizione vernal ed eterna, sia da parte di laici o ecclesiastici, che oserebbero conoscere il privilegio di questo sacerdote, di toccare la proprietà monastica o i suoi privilegi. La decisione del 50 ° Papa di portare il monastero di Busi sotto la sua protezione è composta e scritta in modo solenne. Insieme alle firme papali, furono firmati tredici cardinali e tre vescovi romani.

48. “Alexander episcopus seruus seruorum della dilectis filiis Vrso Abbati monasteri sancti Siluestri de Insula Buci (nel CD, Smičklas scrisse nel libro che dovrebbe essere scritto da Busi e non da Buci Perpetuum Citazioni a nobis petitur, quod religions e onestà concordare dignoscitur, anima no decenti libenti concedere et petentium desieriis congruum suffragium impertiri e proporre dilecti in domino fillii vestris iustis postulantibus clementer annuimus et prefatum monasterium sancti Siluestri, quod in insula Buci situm est, in quel diuino mancipati estis obsequio, sub beati Petri e la nostra protezione contro i rischi, CD II, pagina 173

Come accennato, le lotte dei sovrani bizantino e ungherese-croato hanno cercato di usare Venezia per regnare sulla costa adriatica e sulle isole della Croazia meridionale. Tra il 1135 e il 1145, riuscì a governare Hvar. Era inferiore al suo governo, solo trent’anni, fino al 1164. In questa breve regola, Venezia ha agito astutamente secondo la sua politica generale: non cambia il violento stato delle cose nelle aree appena create, ma lentamente e astutamente si trasforma lo indirizza ai suoi desideri, sono i suoi interessi a lungo termine. Lo ha usato in modo particolarmente intelligente su Hvar. Lasciò il prefetto della contea per rimanere capo della contea di Hvar, ma fece diverse misure che rispettavano i suoi piani di dividere Hvar sia dalla chiesa che dal continente dalmata, che era sotto il dominio dei re ungheresi-croati. Così, in collaborazione con Zara, riuscì a stabilire una diocesi a Hvar. 51 Non era facile e veloce perché le vecchie ginocchia, la nobiltà rurale, spiegavano il loro gioco a metà del 13 ° secolo. i secoli risollevarono risolutamente la resistenza e il 1309 sollevò una rivolta armata, guidata dai membri della vecchia famiglia nobile rurale Slavogosta. Volevano eliminare i nuovi patrizi della città creati dai veneziani. Sfortunatamente, non ci sono riusciti. Le forze opposte li sopraffacevano, ma non c’era pace: c’era sempre un fuoco sotto la cenere, e c’era sempre il pericolo di entrare in un nuovo fuoco.

49. “locum ipsum, in quo prefatum monasterium situm est, cum ipsa insula et aliis suis pertinente” ® tiis, in ciutate spaiatensi ecclesiam sanitas Michaelis et eclesiam Nicolai Nicole in insula, que dicU * Lessa, cum earum pertinnentiis et possesés alias, que habetis in eadem insula “. CD 11, stt.i *
50 .. “que propriis manibus aut sùptibus colitis, siue nutrimentis animalum vestrorum null ^ 1 vobis decimis exigere presumat” .. CD 11, p. 173 °
50a .. “Licet vobis clericos vel laicos e seculo fugientes free e absolute to conuersionem tccir .. nunc eiusdem loci abate vel tuorum quolibet successorum, nulus tibi quilibet surreption®8.astutia seu violentia proponatur, nisi quem fratres communi consensu vel fratrum pars insieme ^ secundum del timorem et beatae virginis providerint eligendum “.. CD 11. p 173 173- 51 Confronto: AV Mardešić, nd, dal 127 ° al 133 °

In quei tempi tormentati e ardenti, il monastero di Santa Silvestra a Busi, che aveva la sua terra e sull’isola di Hvar, per proteggersi da possibili violenze, si rivolse al figlio di p. Manfred Tarent, re Konrad di Sicilia, con una richiesta di riceverlo sotto la sua protezione.

Accettò la petizione e nel giugno del 1258 annunciò che i monaci del monastero di San A Nicholas su Busi è stato chiesto di riceverli in custodia per poter adorare Dio in pace, 52 e accetta la loro petizione e li prende sotto la regalità e la loro protezione dei nani Il monastero e i loro fratelli, persone, animali, altre cose e beni che ora possiedono o acquisiranno in futuro. 53 Se qualcuno osa infastidirli, causerà il suo re e la sua ira.

Come è stato detto, queste citazioni, sia quelle papali che quelle manfredi, mostrano che il monastero di San Silvestra a Busi era ben noto e ampiamente conosciuto. È abbastanza certo e certo che qualche piccolo monastero non invadente e non identificato non avrebbe il coraggio di rivolgersi al papa e al palazzo reale reale.

È stata conservata una foglia della seconda metà del XII. secolo. Nell’inizio gravemente danneggiato di questo documento, Smičiklas ha letto queste parole: il paese .. Johanni Abbati de Jezero quae iacet .. Nella traduzione croata: venduto … al Cuore Immacolato di Jezera, che giace.

52 Novak scrisse che “a causa dell’allora famiglia, Djivic, si sentì minacciato dal monastero di S. Silvestra a Busi .. che in qualche modo … la protezione fu indirizzata dai monaci del citato monastero al figlio di p. Fridr, Manfred Tarentsky, .. con la richiesta di riceverli sotto la sua protezione. “/ Vis I, pagina 79./. Tuttavia, questo non è vero, poiché la famiglia di Đivić non esisteva affatto: N. Duboković Nadalini, Hvar nel XIII. secolo, Opzioni 8-9, Split, agosto-settembre 1985, p.870./. I monaci Bishavian si sono rivolti a Manfred a Napoli perché sapevano che i veneziani non si curavano degli avvertimenti papali. Ricordavano bene che i veneziani della crociata richiedevano la crudele distruzione di Zara 1202 in IV. l’esercito dei Crociati. Si ricordavano persino che i veneziani di Zadar crollarono nel 1243 crudelmente quando superarono l’assedio di Zara e la loro rivolta contro Venezia. Questo è il motivo per cui cercavano protezione dai governanti che potevano proteggerli con la forza militare.

53. “Manfredus diui augusti imperatoris Friderici filius, di gratia princeps Taruti, honoris Sancti Angeli dominus e illustris regis Conrad secondi nel regno Sicilia balius generalis. Per i presunti scriptum notum fier volumus vniversis, quod venerabilis abbas et conuetus monasterii sanctorum Siluestri et Nicolay de insula le nostre suppliche umili sono magnifiche nella nostra, possessione, animalia, res omnes et bona eorum que in presentearum iuste possident ac in antea iusto titulo siunt adipisci, sub regis teque protectione destinatario misericorditer dignaremur.CD V., pagina 98

54 .. “nullus quietem eorum perturbare presumat, vel ipsos in personis, quod qui presumer, regiam et nostrum indignatione nenoueri incursurum” .. CD V., str. 98 °

55 CD II .. p 363 °

Ecco perché gli Smičiklas dubitavano che fosse il nome dell’Abbazia di San Monastero di Gregorio nel lago Vransko o in qualsiasi altro monastero. Tuttavia, Ostojić ha concluso che “di fronte alla parola di Johanni” il termine terram o qualcosa di simile è scomparso, ed è riferito dal deputato “quae”. Quindi, secondo l’opinione di Ostojić, si dovrebbe dire che il paese è un terram Johanni abbati de Jezero, quae iacet. Nella traduzione croata: vendette Ivan all’Abbazia di Jezera, che giace. Il buon Ostojić conclude: “Il lago, d’altra parte, è lo stagno di Busi, che porta ancora il nome Jezero. Qui il lago significa la stessa cosa del latino lacus, e questo è quello che diciamo sulle nostre isole, e in un altro documento (del 1226) su questo monastero di Busi (de Buco), un laghetto o una grotta animale. È anche noto che era il padre del defunto, che cadde a Busi a metà del XII. secolo, o il nome Ivan. Dobbiamo tenere presente che la parola del documento menzionato si riferisce a Biševski, non a Vranski oa nessun altro monastero. 56 Nell’altra lettura di questa intera lista, è chiaro che vi è un riferimento al possesso del monastero di Biševo e non vi è alcun altro monastero menzionato.

Da ciò risulta chiaro come gli altri elenchi che il monastero di San Silvestro a Busi aveva i suoi paesi sull’isola di Busi, Vis e Hvar. Si è anche imparato come ottenere alcuni pezzi di terra. Alcuni lo hanno ricevuto come dono di beneficenza, alcuni lo hanno comprato con i propri soldi o alcune parti della loro terra cambiate in accordo; proprietari di altri pacchi.

Quindi, in questa lista, è scritto che il principe Pribislav, con il consiglio dell’intero comune di Hvar, donò un pezzo di terra sull’isola di Vis nella zona di Volujak al monastero di Busi. Si afferma anche nella stessa nota che Desa Abbot acquistò nel campo di cui sopra un pezzo di terra dal quale a sud c’era un pezzo di terra che era già stato di proprietà di questo monastero e che era stato acquistato dall’Abate Desen. 57

Si afferma anche che l’abate di San Silvestre Desen ha sostituito il monastero con una terra sull’isola di Hvar e Miho Dragunov e ha ricevuto da loro una terra sull’isola di Vis chiamata Sudarijun o Mapa e Ubrus croato. 58 Lo scrittore di questa lista scrisse anche che il principe Petronja, con il consenso del consiglio comunale di Hvarska, donò un pezzo di terra nel campo di Draševo al monastero di Busi, chiamato campo di Dračevo. 59 Resta da notare che l’abate Desen, con il consenso dei fratelli, acquistò dal figlio del figlio di Vlk Krank metà di un pezzo di terra nella baia di Vacamece e dei figli di Balen, metà di un terzo della loro terra Quindi erano insoddisfatti di alcuni Raden concordando sul fatto che tutti loro si divisero per la prima volta e Raden quindi si arrese alla parte del monastero in cambio della parte monastica. E infine, le liste indicano che la proprietà della Chiesa di San Michael è sotto la stessa chiesa nella valle verso est e ugualmente verso sud tutto ciò che può essere coltivato. Quei paesi dell’est stanno arrivando in un posto chiamato Furca e il Rasoha croato. 60 Una copia datata 30 aprile 1226 è stata conservata. È stato scritto davanti alla Chiesa di San Barbara alla presenza del vescovo Miha, del principe Pribislav, del prefetto Desislava e del giudice Nikola. È scritto che il conte Desislav, insieme al suo magistrato Nikola e all’intero di Hvar, diede il monastero di S. Silvestra a Bisceva, che si chiama il villaggio di Dragomirska Peča (una sepoltura nel discorso delle nostre isole è un pezzo di terra.) Tuttavia, è stato stabilito che i fratelli del citato monastero dovrebbero essere liberamente autorizzati a sfamare il tesoro di Hvar durante l’inverno fino alla guerra o quando piove abbondante.66 È stato conservato un altro volantino del 1289 che dimostra che anche in quel periodo l’abbazia di Busi aveva il nome dell’abbazia sotto la protezione papale. San Silvestra a Busi, chiese al comune di Hvarska di restituire le calze da caccia catturate a Busi, e il comune incontrò la richiesta dell’abate perché l’isola di Busi apparteneva al monastero di Santa Silvestra per diritto e misericordia sacerdotale.

56 I. Ostojic, nd II, p. 376 e la letteratura ivi contenuta
57 .. que sclauonice apelatur Voluiac 1 CD II, p. 363. .. Et abbas Desa emit .. peciam terre’11 supradicto campo .. ex vera vera peste est tcrru monasterii, quam emit abas Desen .. CDfl ‘str. 363i
58 Abas Desen sancti Siluestri vna cum fratribus dedit terram ecclesie in insula I fari per Miche de Draguno e accetta ab è in insula Lexe /! / Terram, que vocatur sudarium siue sclauonice true Ubrus .. CD II., P. 363i

59 .. Peciam atterra in campo spinarum, quod sclauonice apelatur Draceno polle .. CD II, p 363

60 .. Et abas cum fratribus Desen nomine emit medietatem terre, que in valle Vacamege filio nominations Vlcoi Cranco .. Quam teram first diuiseramus, superueniente uero Rađen cun suis, porcione nostram acceperat et nobis suam dedit .. Terras /! / Vero sancti Michaelis sunt sub eadem ecclesia nella valle contro a est e semiliter in meridian, totum quod potest laborari, a est itaque finem facit in loco, qui Furca vocatur, sclauonice vero Rasocha .. CD II, 364th

60 In Christi Appuntamenti amen. Anno dominicum incamationis millesimo CCXXVI., Dobbiamo morire in mensili aprilis, ante ecclesiam beate Barbara, esemplare venerabile episcomo Micha e prudentissimo comite Pribislauo, iupano Desislauo, a giudicare Nicolao …. Ego iupanus Desislauus vna iudice N / icolao / simul cum omni populus Farensi donamus perpetualiter mamisterio sancti Siluestri di Bugo lacum qui uulgo dicitur in pecia Dragomiri tale tenore, vt fratres predicti monasterii tempore yemis usque a carnipriuium, quando si umori extiterit, nullatenus vetent adaquare bestias Farensium; CD III, p 254 e 255.

61 In nomine Christi. Anno natiuitatis eiusdem millennium ducentesimo octoagesimo nono, indicazione 2., lune /! / Mensis madii …. in consile maiori Phare .. .. Ibidem comparus dominus Il prodigio dei gratas abbas monasterii sancti Syluestri de Buci et … .. petiens, quod falcones restituerentur sibi, questo incantare avant fuerunt et accepte per illos, qui incantauerant cum alii falconis /! / Lisse et aliarum insularum .. .. e in dicto consilio fuerit reformatum habita diligenti deliberatione, quod ipsa insula Buci ipsi monasterio pertineat de iure et gratia papali .. .. CD VI, P. 651 e 652 .. “Caccia con falchi era nel medioevo … ed era considerato il tipo più nobile di caccia. Su Hvar e Vis ogni anno, nei primi otto giorni di aprile, è stata messa all’asta una lotteria “.Confronta: I. Ostojic, nd II, p. 375, nota 10.
Farlati porta una copia di questa decisione papale, ma invece di “mensis madii”, come scritto in CD II, p.363, scrive “mensis martii”. Vedi: Farlati IV, p.249.

Si è detto che vi erano ancora monaci nel monastero di Busi che in altri monasteri benedettini. Tuttavia, ha anche sperimentato il destino di molti monasteri benedettini; la vita è stata riversata in essa. La maggior parte dei monaci andò al monastero di San Nicola a Komiža e il monastero di Busi smise di essere un monastero abbandonato, ma c’erano monaci che vivevano e vivevano nel monastero di Busi.

Molto probabilmente questa fu l’abolizione del monastero di San Nicola a Komiža, come nel 1458 Papa Kalist III. scrisse: Monastero di San Nicola a Vis, altrimenti il ​​Monastero di Santa Silvestra sull’isola di Busi. 63 Lo stesso papa, su suggerimento del vescovo di Hvar, abolì l’Abbazia di Opatija e l’abbazia benedettina sull’isola di Vis, determinando che il suo reddito era diviso in tre parti: il vescovo di Hvar, la cappella di Hvar e la chiesa del monastero abolito. Poco dopo papa Pio II. cercò di rianimare l’abisso e ordinò che le sue cose fossero divise in due parti. Una metà sarebbe stata ottenuta dal vescovo di Hvar e da Kaptol e da un altro sacerdote ristabilito. Sebbene il Papa abbia nominato due guerre di fila, tuttavia, tale tentativo non ha avuto successo. Infine, nel 1465, il monastero bendingtic di Komiza fu estinto per sempre. È chiaro che questo era il caso del monastero e di Biševo.

Quando la sua vita nel monastero di St. Silvestre è svanito, cade lentamente e diventa una rovina del dente del tempo. In questa zona c’erano le case e i giardini degli abitanti della frazione Busi Poglie. La chiesa è stata preservata perché la parrocchia di Komiska e gli abitanti di Busi si prendono cura di essa. Ma nel tempo, alcuni cambiamenti si sono verificati nel suo aspetto esterno e interno, molto probabilmente, è ancora nel XV. la chiesa del secolo è inclinata. Pertanto, sulle facce nord e sud sono stati costruiti supporti massicci e lo spazio all’interno degli archi tra i piloni è stato riempito all’interno.

Verso la fine del 19 ° secolo. altri cambiamenti furono compiuti nel secolo esternamente e all’interno della chiesa. C’è un campanile sul lato ovest della porta d’ingresso sul fronte occidentale. E all’interno della chiesa, un abside è convertito, e un altare fatto di mattoni intonacati si appoggia al muro rialzato. Il muro fu eretto dall’ex arco trionfale che fu sufficientemente danneggiato e lo spazio della sagrestia fu dato al luogo delle antiche aps.

I lavori che furono eseguiti nel 1994 e nel 1995 restaurando e sistemando la Chiesa di S. Silvestra su Busi è tornata al suo aspetto medievale. L’altare fu eretto nel XIX secolo. secolo, e il muro è stato schiacciato con un abside, e la chiesa ha avuto il suo aspetto originale.

63 .. coenobium S. Nicolai de Lissa, alias S. Silvestri de Scopulo Busi .. Farlati IV, p 262a

64 .. coenobium S. Nicolai de Lissa, alias S. Silvestri de Scopulo Busi, ob. Mortem Abbatis selvaggio ‘ejusque reditus et vectigalia partim vescovi mensae, parton Canonicis ct clericis, partim111 cathedrali insulae Phariae in perpetuo posidenda et fruenda ex autoritatc apostolic iisdcm 1 gata attribuibile “.. Farlati IV, p 262a

65 Confronta: Ostojić, nd II, p

Saniran era il tetto dove era necessario, e una nuova lastra di pietra è stata collocata sopra l’abside degli aps. Un muro è stato rimosso dallo spazio tra i piloni. Durante la rimozione di questo muro, è stata rilevata una grafite che mostra il gallio. Al centro della chiesa, le facciate in pietra sono le caratteristiche dell’aspetto precedente dell’altare. Nel punto in cui è stato trovato il mosaico, è stato allestito un pavimento in legno per dare un’idea di questa importante scoperta. La doga è sterilizzata e la facciata e le pareti interne sono intonacate con intonaco a calce, ma la parte vecchia dell’intonaco in gesso grafite è conservata.

Rimuovendo gli altari del XIX secolo e il muro a cui fu intitolato, la chiesa ricevette ancora una volta un’abside che fu sterilizzata per iniezione e le pareti. Nella chiesa, di fronte all’abside, in direzione dell’altare verso la porta, è stata trovata una tomba che molto probabilmente deriva dal tempo in cui il prete Ivan Grlić costruì la Chiesa di S. Silvester. Come un solo uomo è stato sepolto in esso, significa che fu sepolto in una persona a cui sarebbe stato dato un tributo speciale. Si può quindi presumere che si tratti della tomba di Ivan Grlić, fondatore e costruttore di questa chiesa. 66

66 M. Katić, Chiesa di San Silvestra è Busi. In: Croatia zora, journal of Matica hrvatska -Vis, no.17/18, anno 1977, p. Tutti i dati sulla ricostruzione della Chiesa di San Prendi Silvestra da questo articolo con il permesso di uno scrittore. La ringrazio calorosamente qui.

Altre due tombe sono state trovate nelle pareti meridionale e settentrionale, dove sono state sepolte più persone. Certamente c’erano tombe comuni di monaci benedettini che visse e morì nel monastero di Busi per decenni. Si potrebbe presumere che una tomba fosse per i monaci benedettini, e l’altra per le persone che vivevano a Busi e lavorassero nei campi dei monasteri. Tutti i loro campi non potevano essere trattati dai Benedettini stessi, ma dovevano prendere i fardelli e le persone che vivevano vicino ai loro monasteri. Non è escluso che avrebbe potuto essere anche su Busi.

La finestra a forma di freccia sul muro orientale sopra l’aula laterale dà un sigillo speciale all’intero interno della chiesa. Fuori, alto e stretto, e dentro e fuori. È impostato in modo che nelle ore del mattino, mentre il sole è disteso, una potente fascia di luce penetri attraverso di esso. Poiché era difficile da mantenere, l’umidità penetrava attraverso di essa, era oscurata in una volta precedente. Ora viene riaperto e la sua funzione viene ripristinata.

Durante i recenti lavori di conservazione, fu anche predisposta la porta rivolta a sud, che conduceva al cortile, e indirettamente nelle stanze dell’ex monastero. Questa scoperta incoraggia la necessità di continuare ad esplorare le stanze del monastero perché non ne sanno nulla.Sfortunatamente, non c’è nulla da sapere sui locali del monastero, ma ha conservato ben poco il materiale archivistico e i tesori artistici della Chiesa e del Monastero di Busi.

Sono state citate diverse liste, che sono già menzionate in questo lavoro, che testimoniano la reputazione e il ricco possedimento del monastero di Busi.

Dal tesoro artistico ora l’icona della Vergine Maria si trova nella cattedrale di Hvar, sull’altare di Hektorović. I vecchi chiamavano questa icona Madonna de Buci o de Busi, Busi Madona.

Più recentemente ha voluto sostenere che era stato trasferito da Busi, ma ha cambiato il suo nome. Hanno chiamato la Madonna del Carmelo o la Madonna di Hvarska. Gli ultimi lavori di conservazione hanno confermato che il vecchio nome di Busi Madona era corretto e ha stabilito il luogo in cui questa icona si trovava sul muro della Chiesa di S. Silvestra è Busi. 67

Ho finito di scrivere della chiesa e del monastero di Busi con le parole di un archeologo che ha lavorato a ricerche archeologiche e di esplorazione: “L’area della Chiesa di S. La complessità architettonica e storica di Silvestra, la sistemazione topografica, rispecchiano al meglio l’atmosfera in cui si svolse la vita del monastero medievale benedettino. La Chiesa e il campo come incarnazione della Chiesa benedettina: “Ora e lavoro”, “Prega e lavora”.

Il raster degli appezzamenti di terreno è corretto e un percorso inciso tra loro conduce direttamente dalla chiesa al campo. Questo “decumano” allestisce saldamente il monastero della chiesa al centro e l’inizio di un paesaggio culturale medievale che non possiamo sperimentare in modo così forte come nessun altro a Biševo.

Qui oltre alla chiesa e l’area circostante è una parte del patrimonio culturale, il monastero è solo il nucleo da cui iniziamo a leggere il paesaggio storico. Silvestra significa almeno parziale restauro alla vita di uno dei più importanti monumenti sacrali della nostra storia nazionale. La Chiesa del Bishwana rappresenta un documento costante e vivo sulla presenza dei croati in quest’area dai tempi di Berigovina ad oggi. “68

LEAVE A COMMENT